CLORINAM 20 bustine NAMED -15%

CLORINAM 20 bustine NAMED

NAMED INTEGRATORI

Prodotto in promozione: sconto -15%
Codice: 934133721
Prezzo: 16,91 € 19,90 € IVA incl.
Descrizione
Richiedi informazioni

INDICAZIONI:

utile nel contrastare i sintomi del reflusso gastroesofageo.

COMPONENTI:

Apporto di componenti nutrizionali ed erboristici
(Valori medi)

Per dose max die
(2 buste)

Valore NRVs*

Kapparol plus

800 mg

--

di cui Cappero frutto e.s.

268 mg

--

di cui Fico d’india cladodio e.s.

268 mg

--

di cui Olivo foglia e.s.

160 mg

--

di cui Ribes nero foglia e.s.

8 mg

--

di cui Liquirizia radice e.s.

8 mg

--

Sodio alginato

1000 mg

--

Calcio carbonato

400 mg

--

di cui Calcio

160 mg

20%

Sodio bicarbonato

600 mg

--

*NRVs: Valori Nutritivi di riferimento giornaliero (adulti) ai sensi del Reg. 1169/2011

MODALITÀ D’USO:

1-2 bustine al giorno. Sciogliere il contenuto della bustina in 150 ml di acqua ed assumere mezz’ora prima dei pasti principali.

CONFEZIONI DISPONIBILI:

20 bustine.

PER SAPERNE DI PIU'...

Bruciore di stomaco, acidità e rigurgito sono i sintomi tipici del reflusso gastroesofageo. È normale, soprattutto dopo i pasti, avere una piccola quota di reflusso, liquido e gassoso. Nei soggetti sani, infatti, si possono avere in media 1-4 episodi di reflusso gastroesofageo all’ora, durante le tre ore successive al pasto.
Si tratta, solitamente, di un reflusso poco acido che non si accompagna a particolari sintomi. Quando, invece, il fenomeno diventa più frequente, o quando il contenuto gastrico è eccessivamente acido, possono comparire disturbi cronici che interferiscono con la normale qualità della vita (malattia da reflusso gastroesofageo).
La causa più comune di questa patologia è l’alterata funzionalità dello sfintere esofageo inferiore, la valvola muscolare che separa l’esofago dallo stomaco, che normalmente si apre per consentire il transito del cibo e si richiude per impedire la risalita verso l’alto dei succhi acidi presenti nello stomaco. L’apertura di questo sfintere in un momento non opportuno, con conseguente passaggio verso l’alto del contenuto gastrico, può irritare la mucosa dell’esofago, scatenando i sintomi tipici del disturbo.
Un’altra causa del reflusso gastroesofageo è il rallentato svuotamento gastrico. Anche alterazioni della motilità dell’esofago e del pH salivare possono predisporre alla malattia da reflusso e alle sue complicanze. A questo proposito, il fumo è un fattore predisponente, in quanto modifica la composizione salivare, la funzionalità dello sfintere gastroesofageo ed aumenta la secrezione acida dello stomaco. Vi sono poi condizioni particolari, quali la gravidanza e l’obesità, in cui l’aumento della compressione dello stomaco, dovuto alla pressione esercitata dal feto o dal grasso addominale, facilita la risalita di acido dallo stomaco.
Tra le possibili cause di reflusso si possono annoverare anche l’ansia, lo stress e l’ernia iatale. I sintomi più frequenti del reflusso gastroesofageo sono bruciore (o pirosi) e rigurgito acido. Il bruciore interessa solitamente la parte alta dell’addome e la zona restrosternale ed è spesso accompagnato da aumentata secrezione salivare. Si manifesta generalmente dopo i pasti, ma può presentarsi anche di notte quando il paziente è supino. A volte tale disturbo può essere avvertito come “dolore”.
In alcuni soggetti può essere presente una sintomatologia non specifica, nota con il termine di dispepsia, che comprende: sazietà precoce, senso di pienezza postprandiale, nausea e vomito. Se il reflusso supera la valvola superiore dell’esofago (sfintere esofageo superiore) può interessare faringe, laringe e polmoni. In questo caso si possono manifestare sintomi “atipici” extraesofagei: faringite, laringite cronica ed altre affezioni delle corde vocali, sensazione di nodo alla gola, bronchiti croniche ed asma bronchiale, patologie del naso e del rinofaringe, russamento abituale ed apnee notturne, alitosi, erosione dello smalto dentale.
Il reflusso gastroesofageo di lieve entità può essere tenuto sotto controllo seguendo alcune regole alimentari e un adeguato stile di vita. È importante, ad esempio, masticare lentamente, evitare di mangiare carni grasse, affumicate ed insaccati, uova sode o fritte, formaggi molto grassi o fermentati che rallentano lo svuotamento gastrico.
Anche alcune regole comportamentali possono aiutare a ridurre il reflusso gastroesofageo: mantenere il peso forma, ridurre lo stress e le tensioni, consumare pasti non abbondanti e frequenti, smettere di fumare.
Clorinam®, integratore alimentare, a base di Kapparol plus®, Sodio alginato, Sodio bicarbonato e Calcio carbonato, è utile per contrastare i sintomi del reflusso gastroesofageo.