> INTEGRATORI > DR GIORGINI > DR.GIORGINI - FINOCCHIO ESTRATTO TITOLATO 60 pastiglie
DR.GIORGINI - FINOCCHIO ESTRATTO TITOLATO 60 pastiglie Favorisce l'eliminazione dei gas intestinali, contrasta i disturbi del ciclo mestruale, 60 pastiglie -20%

DR.GIORGINI - FINOCCHIO ESTRATTO TITOLATO 60 pastiglie

Favorisce l'eliminazione dei gas intestinali, contrasta i disturbi del ciclo mestruale, 60 pastiglie

Dr Giorgini

Prodotto in promozione: sconto -20%
Codice: 971197191
Marca: Dr Giorgini
Prezzo: 9,52 € 11,90 € IVA incl.
Descrizione
Richiedi informazioni

Il finocchio favorisce la funzione digestiva, regola la motilità gastrointestinale e promuove l’eliminazione dei gas. Inoltre, coadiuva la fluidità delle secrezioni bronchiali, contrasta i disturbi del ciclo mestruale e aiuta il drenaggio dei liquidi corporei.

VEGANO_icona SENZA_LATTOSIO_icona SENZA_GLUTINE_icona

Non contiene conservanti, coloranti, edulcoranti o altri additivi alimentari di sintesi.

Ingredienti

  • E.S.= Estratto secco.
  • Finocchio (Foeniculum vulgare) frutti E.S. (titolato al 5% in olio essenziale), cellulosa microcristallina°, gomma arabica°, maltodestrine da mais o riso, silicio biossido°°, magnesio stearato di origine vegetale°°.
    ° Agente di carica.
    °° Antiagglomerante.

Modalità d'uso

Si consiglia l’assunzione di 2 pastiglie due volte al giorno dopo i pasti (per un totale di 4 pastiglie al giorno).

Avvertenze

Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata ed equilibrata e devono essere utilizzati nell’ambito di uno stile di vita sano. Non superare la dose giornaliera raccomandata. Il prodotto deve essere tenuto fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei tre anni di età.

QUALITÀ TITOLATA

qualitaPer offrirti il massimo dell’efficacia abbiamo selezionato solo ingredienti di prima qualità, lavorati con un processo tecnologico unico in grado di garantire estratti titolati con un’elevata concentrazione di sostanze funzionali e nutritive.

LA PIANTA DEL FINOCCHIO

Il Finocchio (Foenicum vulgare) è una pianta spontanea perenne originaria dell’area del Mediterraneo. La parte della pianta usata in fitoterapia sono i frutti (semi), il cui estratto può favorire la digestione e l’eliminazione dei gas intestinali.

  • I VANTAGGI DEL FINOCCHIO
      favorisce la funzione digestiva
      promuove l’eliminazione dei gas
      regola la motilità gastrointestinale
      aiuta il drenaggio dei liquidi corporei
      contrasta i disturbi del ciclo mestruale
  • L’ESTRATTO TITOLATO DI FINOCCHIO VIS DR. GIORGINI
    L’estratto di FINOCCHIO Vis Dr. Giorgini, titolato al 5% in olio essenziale, in sole 4 pastiglie mette a disposizione ben 800 mg di estratto secco e 40 mg di olio essenziale della pianta. Questa concentrazione di principio attivoconsente di sfruttare al meglio le proprietà fitoterapiche della pianta. Il finocchio, infatti, «è noto soprattutto per la sua valida azione carminativa […] A dosaggi moderati ha un’azione stimolante sulla motilità gastrointestinale, mentre a dosi più elevate manifesta un’azione spasmolitica. Si impiega nei leggeri disturbi gastrointestinali di tipo spastico, che si accompagnano a senso di pienezza, aerofagia e flatulenza» (F. Perugini Billi, Manuale di Fitoterapia, Azzano San Paolo 2004).
  • CHE COS’È L’OLIO ESSENZIALE DI FINOCCHIO?
    I frutti (semi) del finocchio sono composti in larga parte dall’olio essenziale, che può essere considerato il vero principio attivo della pianta, ovvero il principale responsabile della sua azione fitoterapica: «i costituenti chimici importanti presenti nei frutti della pianta sono rappresentati pressoché esclusivamente dall’olio essenziale […] L’olio essenziale è ottenuto per distillazione dei frutti del Finocchio e rappresenta una forma estrattiva usata spesso in fitoterapia…» (F. Firenzuoli, Le 100 erbe della salute, Milano 2003).
  • finocchio

CURIOSITÀ

Sono molti i miti e le leggende legate alla pianta del caffè. L’aneddoto più famoso è probabilmente quello connesso alla scoperta delle sueproprietà toniche, da parte di un pastore yemenita: «Kaldi, notando effetti eccitanti sul suo gregge che brucava tra le bacche rosse e brillanti di un lucente arbusto verde, provò egli stesso a masticare il frutto. La sua eccitazione lo persuase a portare le bacche a un santone islamico a un monastero. Ma il religioso ne condannò l’uso e le scaraventò nel fuoco, donde si sprigionò un aroma allettante. I chicchi abbrustoliti furono subito strappati alle braci, sbriciolati e dissolti in acqua calda, per ricavarne la prima tazza di caffè.» G. Samorini, Mitologia delle piante inebrianti, Edizioni Mediterranee, 2016)