Creatina

Creatina

Ancora più energia

Che cos’è la creatina? In molti dei prodotti energetici, specialmente con magnesio e potassio si trova questa sostanza. La creatina non è altro che una proteina endogena dei nostri muscoli che funziona da carrier, ovvero da “trasportatore” di fosfato. L’energia che noi assumiamo con l’alimentazione viene principalmente convertita in ATP: la P sta per fosfato. Per creare energia il nostro corpo scinde un P dall’ ATP, trasformandola in ADP. (T sta per 3, D per 2) Questa deve poi ricaricarsi di nuovo in ATP e per farlo spende un po’ di energia.

La creatina “afferra” il fosfato, diventando fosfocreatina, riportandolo all’ADP per convertirlo in ATP: in questo modo non bisogna spendere ulteriore energia! Per questo lo si definisce un risparmiatore di energia, ottimizzando questa reazione.

È molto indicato in persone che hanno bisogno di più energia, come in estate, anche se solo per idratarsi insieme ai Sali minerali e avere quella spinta in più.

Il prodotto creatina, senza altre sostanze, è invece consigliato a quegli sportivi che affrontano sforzi intensi e di breve durata, come chi solleva pesi, chi deve fare dei salti (pallavolo o basket), per aiutare una partenza in bicicletta ed ha bisogno di tutta l’energia subito. Infatti questo tipo di energia diventa inutile per sforzi di lunga entità come una corsa, poiché in uno sforzo così lungo, come una gara, le fonti di energia che il nostro corpo usa sono diverse e più complesse.

Ha effetti collaterali? Come tutte le proteine, un eccesso viene filtrato dai reni. La dose consigliata è tuttavia una dose fisiologica, ovvero che viene utilizzata al 100 % e non filtrata, con un buon margine di sicurezza sulla quantità: il rischio è quasi inesistente, tuttavia quando la si assume si consiglia di idratarsi bene, in modo da eliminare ogni rischio. Ovviamente se si supera la dose consigliata il rischio aumenta; il pericolo che si può creare è quello di un innalzamento di pressione sanguigna dovuto a ritenzione idrica a livello renale.. inutile dire che i reni non sarebbero tanto felici!

Roberto